Cuore di Tenebra

Ho da poco finito di leggere Cuore di tenebra, il bellissimo (e breve) romanzo di Joseph Conrad che racconta le avventure dei colonialisti europei che si addentrano nel cuore del continente africano alla ricerca di avorio. Non sto a raccontarvi i particolari della trama e dei significati che si celano dietro al romanzo, per questo c’è l’ottima Wikipedia, ma vale la pena di notare come questo racconto del 1899 sia alla base di un capolavoro del cinema moderno come Apocalypse Now. Questo film, pur ambientato in Vietnam, riprende molto del romanzo di Conrad, specialmente il personaggio di Kurtz (un maldestro ma indimenticabile tentativo di effettuare un parallelo tra le due storie lo ricordo nel film Paz… le risate sono assicurate!). Ma la cosa che piu’ mi ha colpito non riguarda il contenuto del romanzo, bensì la forma con cui è scritto. Per narrare la storia degli uomini che si addentrano fin nel cuore della tenebra, in un viaggio che sembra a ritroso nel tempo, fino a scoprire l’orrore che è presente nel loro stesso animo, Conrad si affida alle parole di un marinaio, Marlow, che rivive tutta la storia come un lontano ricordo. E’ stupefacente come le migliori metafore della vita umana ruotino tutte intorno ai concetti di mare e navigazione: leggendo romanzi come Oceano mare di Baricco o ascoltando canzoni come Titanic di De Gregori, chiunque si sente coinvolto con la storia in maniera estremamente naturale, e sentir parlare di “viaggio“, “deriva“, “tempesta“, “naufragio“, “bussola“, ecc. richiama inevitabilmente le vicende di tutti i giorni, vissute da ognuno di noi. E’ questo il motivo per cui Conrad mette in bocca a Marlow frasi del tipo:

Che buffonata la vita: questa misteriosa combinazione di logica impietosa per un futile scopo. Tutto quello che ci si può aspettare, è una qualche conoscenza di se stessi – che viene troppo tardi – e un mucchio di inestinguibili rimpianti.

Perchè alcuni concetti, detti da un marinaio, assumono un significato molto più profondo e vero.. Perchè in bocca a chi ha lottato contro le correnti, queste parole assumono molto più significato di un trattato di filosofia e ci sanno spiegare alla perfezione chi siamo, da dove veniamo e dove stiamo andando. O almeno così ci pare mentre leggiamo Cuore di tenebra.. ed è per questo che ve lo consiglio 🙂 Buona lettura!

Commenta questo post: