Tecnologia che aiuta a rimettersi in forma

mibandUn’altra estate si avvicina, e porta con sé l’ormai consueto terrore per la “prova costume”: i vestiti sempre più leggeri non ci aiuteranno più a coprire quei chiletti di troppo che abbiamo accumulato negli ultimi mesi… Non si tratta ovviamente solo di un problema estetico: chi come me ha superato i “trenta” sa benissimo che il benessere che solo pochi anni fa davamo per scontato (in termini di fiato, agilità, resistenza) diventa col tempo una conquista difficile da raggiungere e ancor più ardua da mantenere. Da questo punto di vista, ho osservato come le persone si dividano in due gruppi molto differenti: da una parte ci sono quelli che fanno del fitness una religione, frequentando palestre con assiduità, iniziando attività semi-professionistiche di cross-fit, body-building, running e così via, dall’altra parte invece si trovano quelli che fanno una fatica immane ad abbozzare qualsivoglia attività fisica, incollati alla scrivania o al sedile dell’automobile dai propri impegni di lavoro e non. Pur provando enorme invidia per gli appartenenti al primo gruppo, io (così come molti miei coetanei) appartengo sicuramente al secondo. Certo, non a quella parte che ha già gettato la spugna, ma resta il fatto che per me iniziare (e soprattutto mantenere nel tempo) un’attività fisica resta una sfida non da poco. Per aiutarmi a vincerla, quindi, meglio ricorrere a tutti i mezzi (leciti!) a disposizione, come l’incoraggiamento da parte di amici più disciplinati di me (ai quali mi aggrego per fare un po’ di sport in compagnia) e, perchè no, sfruttando tutti i mezzi che la moderna tecnologia mette a disposizione per agevolare il compito (dopo tutto, sono sempre un nerd!). In questo post, in particolare, voglio parlarvi di due espedienti che possono aiutare quelli come me a condurre una vita un po’ più sana e regolare e a fare un po’ di attività fisica in più: una funzionalità di Google Calendar recentemente introdotta e un “activity tracker” molto economico. Continua a leggere

Punto Zero

website_2_0Per anni abbiamo sentito parlare del “Web 2.0”, di “Tecnologie 2.0” e simili, senza sapere mai davvero di cosa si stesse parlando. Non ci hanno nemmeno dato il tempo di comprendere bene cosa fosse “Duepuntozero” e cosa no, ed ecco che i media cominciano a utilizzare l’espressione “Web 3.0”. Ci siamo persi un passaggio? Siamo destinati a rimanere dei trogloditi informatici mentre un’orda di nativi digitali prende il possesso della nostra società? O siamo vittima di una (l’ennesima) supercazzola degli addetti al marketing? Per capirlo, proviamo innanzitutto a ricostruire l’origine e il significato dell’espressione “2.0”. Continua a leggere

Google Inbox: organizzare la propria vita tramite le email

Logo Google InboxIl tempo è denaro, si sa… e se c’è una cosa che il denaro non può comprare, è proprio il tempo: ai ricchi così come ai poveri, ogni giorno vengono donate esattamente 24 ore. Se consideriamo, poi, che un terzo di questo tempo lo passiamo a dormire, si capisce subito come sia facile trovarsi spesso a corto di tempo per fare tutto ciò che vorremmo (o dovremmo), e facciamo spesso la fine del famoso Bianconiglio di Alice nel paese delle meraviglie, correndo disperati al grido di “E’ tardi! E’ tardi!”. C’è una soluzione? Escludendo ipotesi fantascientifiche (viaggi nel tempo) e una revisione al ribasso dei propri desideri (secondo la teoria della decrescita serena), una sola: l’organizzazione del proprio tempo. Continua a leggere

M.C. Escher, l’inventore del selfie

Hand-with-Reflecting-Sphere-1935Guardate l’immagine qui accanto, e ditemi se la prima parola che vi viene in mente non è “selfie”. La differenza con quelli che fate quotidianamente con i vostri smartphone è che questa è stata realizzata a mano, utilizzando una sfera riflettente, nel 1935. L’autore, Maurits Cornelis Escher (si pronuncia “èscer”, so che ve lo stavate chiedendo), ha utilizzato questo espediente per ritrarre su una superficie a due dimensioni uno spazio tridimensionale: ma non gli bastava, come succedeva dall’invenzione della prospettiva in poi, rappresentare la profondità su un piano, lui voleva andare oltre e mostrare, oltre a quello che aveva davanti agli occhi, anche ciò che si trovava dietro di sè (compreso se stesso). La riflessione deformante della sfera diventa quindi un espediente per includere nel soggetto dell’opera tutto l’ambiente circostante: le quattro pareti, il soffito, il pavimento e tutto ciò che si trova nella stanza. Un po’ come si fa nella realtà virtuale (quella di Google Street View o delle foto a 360°, o Photosphere), ma senza l’aiuto della tecnologia.
Continua a leggere

SMAU: piccolo dizionario del futuro tecnologico

smau_1Anche quest’anno sono stato allo SMAU di Milano, la più importante fiera italiana sull’ICT (Information and Communication Technology), che si tiene ogni anno alla fine di ottobre. Nato nel 1964 come Salone delle Macchine e Attrezzature per Ufficio, questo evento permette alle imprese, agli enti pubblici e agli addetti ai lavori di conoscere lo stato dell’arte delle tecnologie presenti sul mercato, le loro applicazioni e le opportunità per il loro sviluppo. Con grande orgoglio personale, ogni anno vi trovo rappresentata molta Calabria, specialmente da giovani della mia età che presentano idee imprenditoriali innovative e originali, a dimostrazione che in un territorio senza un tessuto imprenditoriale robusto né abbondanza di risorse e infrastrutture, l’informatica e la creatività possono rappresentare l’accoppiata vincente per rilanciare l’economia. Non a caso, da quest’anno, tra le tappe dello SMAU Roadshow (che porta l’evento anche in varie città italiane) c’è anche Lamezia Terme. Continua a leggere