A qualcuno piace corto

Ovviamente, sto parlando dell’URL! L’Uniform Resource Locator, l’indirizzo delle pagine web (e non solo) che scriviamo nella barra del browser per visualizzare un contenuto in Internet. Questo indirizzo, che sta alla base dei link e quindi di tutta la struttura ad “ipertesto” di Internet, è ormai diventato un utilissimo compagno quotidiano per chi naviga in rete: “vai a vedere questo sito: url wikipedia“, “il mio profilo e’ url facebook” o “guarda un po’ questo video: url youtube” sono frasi molto comuni nei siti internet, in chat, nelle email, ed ormai anche nei discorsi di tutti i giorni! Sugli URL si potrebbe dire molto: dalla loro struttura (su cui lo stesso Tim Berners Lee ha avuto da ridire ultimamente) al loro valore commerciale (il dominio sex.com è stato venduto per 14 milioni di dollari nel 2006).
Anche se un URL del tipo http://marco.fotino.it/2010/04/ubuntu-in-arrivo.html è probabilmente più facile da ricordare di un numero telefonico, resta comunque qualcosa che non desidereremmo mai scrivere su una tastiera (ancor meno sulla tastiera di un telefonino, ora che internet si sta diffondendo sempre più sui dispositivi mobili). Inoltre, linkare una pagina web come http://milano.repubblica.it/cronaca/2010/04/19/news/milano_rissa_nel_priv_dell_hollywood_a_giudizio_irvine_e_il_figlio_della_moratti-3455973 su un servizio come Twitter risulterebbe assai difficile (il servizio consente di postare 140 caratteri, l’URL è lungo 141). Cosa si fa in questi casi? Si ricorre ad un URL Shortener!

Il servizio di URL shortening consiste nel registrare un URL breve che redireziona all’indirizzo originario. Il primo servizio di questo tipo sul web è stato TinyUrl, subito adottato da Twitter per accorciare automaticamente gli indirizzi lunghi inseriti nei tweets. Al momento, Twitter è passato all’utilizzo di Bit.ly per offire la stessa funzionalità, e sta pianificando di aprire un servizio proprio per lo scopo. Google lo ha già fatto, ed i suoi servizi accorciano gli URL tramite il servizio Goo.gl. Lo stesso servizio per YouTube è realizzato da Youtu.be: se vogliamo accorciare l’indirizzo del video http://www.youtube.com/watch?v=FSRMDiJsf98, possiamo usare l’URL equivalente http://youtu.be/FSRMDiJsf98 (la chiave e’ quella visualizzata dopo “?v=” nell’indirizzo originario). Pur avendo un URL di base più lungo rispetto agli altri, TinyUrl offre qualche funzionalità in più: e’ possibile associare una chiave mnemonica all’URL accorciato (come http://tinyurl.com/short-twit) ed è possibile visualizzare un’anteprima della pagina di destinazione scrivendo, ad esempio, http://preview.tinyurl.com/short-twit sulla barra degli indirizzi. Quest’ultima caratteristica può essere molto utile, perchè spesso dietro ad un URL accorciato (e quindi irriconoscibile) si possono celare scherzi, siti inattesi o minacce per il proprio computer. Prima di cliccare su un URL accorciato, quindi, sarebbe utile conoscerne la destinazione: per la maggior parte degli indirizzi accorciati, questo e’ possibile attraverso un altro servizio web: KnowUrl.
In ogni caso, nonostante la sua indubbia utilità, la pratica dello URL shortening non dev’essere abusata: ricordate che usare le redirezioni comporta un raddoppio delle richieste web che fate (una per conoscere la destinazione ed un’altra per raggiungerla). Inoltre, anche un servizio come questo comporta ricadute sulla privacy del navigatore: gestire una mole enorme di URL significa anche poter tenere traccia della navigazione di molti utenti.. Siamo sicuri di voler affidare ad un sito qualsiasi le statistiche di accesso alle nostre pagine web?

Ubuntu in arrivo!

Come potete notare dal countdown qui a destra, mancano 15 giorni all’uscita della nuova versione di Ubuntu. Come da programma ufficiale, infatti, il 29 aprile sarà disponibile per il download il Sistema operativo Ubuntu 10.04 LTS (dove 10 e 04 sono, rispettivamente l’anno ed il mese di rilascio), nome in codice “Lucid Lynx” (che segue alfabeticamente le versioni aggettivo-animale Jaunty Jackalope e Karmic Koala). La sigla LTS sta per Long Time Support (supporto a lungo termine): come si vede nel grafico qui accanto, le versioni LTS escono ogni due anni (anzichè ogni 6 mesi) e garantiscono aggiornamenti costanti per 3 anni (anzichè i 18 mesi delle versioni intermedie). Insomma, l’appuntamento del prossimo 29 aprile è l’ideale per chi voglia tentare un primo approccio con il mondo Linux, senza i timori che tipicamente accompagnano chi ha sempre vissuto il computer in ambiente Windows.

I motivi per passare a Ubuntu sono innumerevoli: innanzitutto, si tratta di un sistema operativo completamente gratuito ed aperto, sviluppato da una comunità di persone preparate che, in tutto il mondo, usano il computer per lavoro, svago e passione. A differenza di altre versioni di Linux, poi, Ubuntu risulta estremamente facile da installare, configurare ed aggiornare, anche per gli utenti meno esperti. Scaricato il DVD di installazione, si può provare il nuovo sistema operativo senza apportare alcuna modifica al proprio PC (avviandolo in modalità “live”) o seguire la procedura di installazione. Dopo un periodo di spaesamento, il nuovo sistema mostrerà tutte le sue potenzialità: interfaccia grafica semplice e gradevole, suite di programmi preinstallati per le operazioni di tutti i giorni (elaborazione testi, fogli di calcolo, navigazione internet, editing di immagini), possibilità di installare un numero impressionante di programmi (ovviamente gratuiti) in maniera semplice, aggiornamento del sistema semplice ed efficiente (non bisogna neanche riavviare il computer, dopo!).
Purtroppo, sono molti anche i buoni motivi per non passare a Linux: problemi di configurazione per qualche periferica hardware (schede audio, stampanti, ecc..), necessità di usare dei programmi che funzionano solo su Mac e Win (come Photoshop o AutoCAD), impossibilità di installare la maggior parte dei videogiochi (anche se questo, per me, era uno dei motivi per passare a Linux..).
In realtà, molti di questi motivi si potrebbero superare facilmente: le incompatibilità sono ormai ridottissime, i programmi alternativi sostituiscono egregiamente tutti i software proprietari, grazie alla virtualizzazione dei sistemi operativi è semplicissimo eseguire Windows in una finestra di Ubuntu, i siti web specializzati contengono un’infinità di manuali, guide e forum per la risoluzione di qualsiasi problema (anche per gli utenti meno esperti).
Insomma, vale la pena almeno di provarlo: i meno esperti scopriranno che esiste una alternativa semplice ed efficiente all’utilizzo del computer, mentre i più “smanettoni” proveranno l’ebbrezza, finalmente, di avere il pieno controllo del proprio computer! Come si dice in questi casi: provare per credere..

La Privacy, questa sconosciuta..

Qualche giorno fa, facendo un giro su Facebook, mi sono imbattuto (abbastanza casualmente) nel messaggio che vedete in figura. Dico “casualmente” perchè il messaggio in questione non era notificato come nuovo messaggio, nè si trovava nella Posta in arrivo o simili.. Semplicemente era li’, senza recare disturbo agli utenti, per essere trovato solo da quelli interessati alle modifiche della Politica di Gestione della Privacy di Facebook. Sarebbe bello avere la stessa discrezione quando uno dei servizi a cui siamo iscritti ha qualche proposta commerciale per noi! E soprattutto sarebbe bello non scoprire che potevamo commentare le modifiche fino a due giorni prima.. 😀 Ad ogni modo, colgo l’occasione per fare qualche osservazione sulla gestione della nostra privacy su internet, che non fa mai male…

I principali servizi online di condivisione (Facebook innanzitutto, ma anche Google, youTube, Flickr ed altri) hanno dovuto affrontare con molta serietà l’argomento, grazie alla crescente attenzione da parte degli utenti più accorti e dei governi verso il rispetto della privacy dei cittadini. Certo, non sarebbe male se i governi stessi cercassero di applicare gli stessi principi, ad esempio quando devono installare i costosi, invasivi, imbarazzanti ed imperfetti body scanner negli aeroporti… Anche Google, che da anni cerca insistentemente di entrare nell’unico segmento web che non domina (con servizi quali Orkut, Wave e Buzz), ha recentemente sottoposto agli utenti di Buzz una schermata in cui chiedeva di accettare esplicitamente le liste degli utenti che seguono i nostri aggiornamenti.

Il problema principale, comunque, resta quello della consapevolezza degli utenti nell’uso dei Social Network, e pià in generale di Internet. Non c’e’ niente di male nell’uso della Rete per la condivisione di notizie, foto, messaggi e quant’altro, neanche quando questi contenuti rivelano qualcosa di noi stessi (come la pensiamo politicamente, dove lavoriamo, dove siamo stati in vacanza, eccetera…). Il problema sta nella condivisione inconsapevole di informazioni, e soprattutto nella mancata consapevolezza di chi potrà accedere a tali informazioni. Che Facebook sappia tutto di noi, e che usi le nostre informazioni per mandarci la pubblicità indirizzata a quelli come noi non è certo un segreto, altrimenti non si spiegherebbe come una società di quelle dimensioni possa mantenere tali servizi gratuiti e fatturare ugualmente miliardi di dollari ogni anno! Ma ci sono innumerevoli casi in cui l’uso sbagliato di Internet ha causato problemi vari (dal semplice imbarazzo fino a cose serie, come il licenziamento o il divorzio..) ad utenti incauti che condividevano delle informazioni riservate con qualche amico, rivelandole però anche a qualcuno che quelle informazioni non avrebbe dovuto averle.. E’ stupefacente la mole di informazioni che si possono trarre da ciò che condividiamo su Internet. Ad esempio, il sito provocatorio PleaseRobMe (“Per favore, derubatemi”) pubblica i dati di tutti coloro che hanno messo il proprio indirizzo su internet ed hanno appena twittato la frase “Leaving Home” (“Sto uscendo di casa”). Nient’altro che il classico pedinamento, adottato dai topi d’appartamento sin dall’alba dei tempi, ma reso piu’ semplice dalle tecnologie moderne e dalla condivisione inconsapevole delle informazioni sul Web. Curioso anche il caso della ragazza che ha inviato una propria foto su un sito dove gli utenti si immortalano in pose sexy col telefonino. Niente di scandaloso, tanto più che la ragazza in questione aveva avuto l’accortezza di coprirsi il volto.. Peccato che non avesse adottato la stessa accortezza nel disabilitare il GPS del proprio telefonino: l’analisi delle proprietà del file inviato (i cosiddetti dati EXIF della foto) rivelavano agli interessati la posizione esatta della casa della signorina..

Morale della favola: condividete pure tutto sui Social Network, ma almeno siate consapevoli di tutto ciò che condividete e di tutti quelli con cui lo state condividendo!

Torna su