Archivi tag: blog

Punto Zero

website_2_0Per anni abbiamo sentito parlare del “Web 2.0”, di “Tecnologie 2.0” e simili, senza sapere mai davvero di cosa si stesse parlando. Non ci hanno nemmeno dato il tempo di comprendere bene cosa fosse “Duepuntozero” e cosa no, ed ecco che i media cominciano a utilizzare l’espressione “Web 3.0”. Ci siamo persi un passaggio? Siamo destinati a rimanere dei trogloditi informatici mentre un’orda di nativi digitali prende il possesso della nostra società? O siamo vittima di una (l’ennesima) supercazzola degli addetti al marketing? Per capirlo, proviamo innanzitutto a ricostruire l’origine e il significato dell’espressione “2.0”. Continua a leggere

Regole…

Prima regola del perfetto blogger: non abbandonare MAI il tuo blog.

Seconda regola del perfetto blogger: chiunque enuncia la Prima regola, la violerà puntualmente.

…speriamo di trovare presto il tempo di tornare a scrivere un po’ qui! 🙂 A presto

The Terminal

Ricordate il film con Tom Hanks in cui il protagonista rimaneva intrappolato per mesi in aeroporto a causa di un disguido burocratico? Questo fine settimana ho scoperto (sulla mia pelle) che tutto questo e’ possibile.. Tutto e’ iniziato quando ho deciso di passare un fine settimana a Venezia: visto l’isolamento della Calabria col resto del mondo, il modo migliore per non impiegare tutto il weekend per arrivarci sembrava proprio l’aeroplano. Ed infatti, il sito dell’Alitalia era pieno di voli tra Lamezia Terme e Venezia, con scalo a Roma Fiumicino. Certo, non sono dei low cost, ma vuoi mettere la comodità di partire sabato mattina dalla Calabria e di tornare domenica sera? E così, non senza difficoltà (visto che il sito di Alitalia funziona spesso a singhiozzo), ho prenotato il mio biglietto online. Ovviamente, conoscendo lo stato del sistema dei trasporti (non solo aerei) in Italia, ho prenotato i voli in modo da avere un’ora di tempo per il cambio di aereo a Fiumicino, mi sembrava un tempo ragionevole! E in effetti, il cambio all’andata l’ho effettuato con tutta la tranquillità possibile.. Almeno finchè non sono salito sull’aereo per Venezia! Infatti, il comandante del volo ci ha subito avvisati che “a causa del maltempo le partenze sono lievemente ritardate”. Altro che lievemente: sulla pista c’era una fila di aeroplani talmente lunga che sembrava di essere ad un casello autostradale.. Fatta la nostra bella fila (20 minuti circa), arriva la prima sorpresa: il capitano dice “Abbiamo un problema tecnico ad una spia dell’impianto idraulico, torniamo al parcheggio”. L’aereo esce dalla fila, torna al parcheggio e dopo avere aspettato altri 20 minuti il tecnico (che sia venuto anche lui con l’aereo?), il problema viene risolto e si torna in fila. Passano ulteriori 20 minuti d’attesa per riprendere il nostro posto sulla pista di decollo, e quando siamo quasi arrivati.. colpo di scena!

Il comandante riprende la parola: “Sono sempre io, purtroppo si è ripresentato il problema al sistema idraulico.. Dovrete scendere e cambiare aereo”. Purtroppo non ci sono parole per descrivere la faccia dei molti turisti stranieri che quella mattina si erano preparati a visitare la Laguna ed invece si eranto trovati chiusi per tre ore su un aereo di linea.. ma vi assicuro che era tutto un programma! La compagnia di bandiera dovrebbe rappresentare l’intero Paese.. che figura ci facciamo se questa compagnia fa dell’inefficienza la propria bandiera??? Non c’è da sorprendersi se poi la gente, tornata in patria, si lamenta anche in modo plateale! Comunque, alla fine, sono arrivato a destinazione.. Ci sono volute quattro ore in piu’ del previsto (e Alitalia afferma che non e’ previsto alcun rimborso per ritardi inferiori alle 5 ore, guarda caso..), ma sono arrivato a destinazione, e mi sono goduto il mio weekend.
L’indomani, come previsto, mi sono recato all’aeroporto Marco Polo di Venezia per il mio viaggio di ritorno. Ero molto tranquillo, perchè il tempo era buono e quindi non mi aspettavo di trovare inconvenienti come all’andata. E invece.. Al mio arrivo l’aereo porta gia’ mezz’ora di ritardo! Meno male che ho prenotato la coincidenza con un ampio margine, mi dico, e salgo sull’aereo insieme ai miei compagni di sventura viaggio. Il capitano, come sempre, si giustifica (pover’uomo, che lavoro umiliante che dev’essere il suo!): “Scusate per il ritardo, ma abbiamo avuto diversi problemi.. Ci sono dei lavori all’aeroporto di Venezia [ma te ne sei accorto adesso? pianificano dei lavori e non dicono niente alle compagnie??], abbiamo dovuto sostituire l’aeromobile all’ultimo minuto per un guasto [nooo.. di nuovo?!?] e non possiamo partire se non ci arrivano i documenti di questo aereo [ma perchè, i documenti degli aerei non li tenete insieme agli aerei???]. A questo punto, devo confessarlo, ho avuto un lieve moto d’ira verso l’Alitalia: un disguido può essere una casualità, due disguidi possono essere sfortuna, ma se ti capitano tre disguidi in due giorni si tratta certamente di incompetenza!!!
Alla fine, il volo è partito giusto in tempo per atterrare a Roma 5 minuti dopo la partenza della coincidenza per Lamezia. Il mio stato d’animo non era un granchè, ed ho chiesto all’assistente di volo cosa potessi fare all’arrivo per risolvere il mio problema. Lui, inaspettatamente, mi ha tranquillizzato: è andato a controllare in cabina ed è tornato, sorridente, dicendomi “Abbiamo chiesto via radio, ed il volo per Lamezia non risulta ancora nemmeno in fase di imbarco: sicuramente è in ritardo, riuscirai a prenderlo”. Ma certo! Come ho fatto a non pensarci? L’unica soluzione ad un aereo in ritardo è che anche il volo successivo parta in ritardo! Mitica Alitalia, chi l’avrebbe detto che l’applicazione sistematica del ritardo ai voli potesse essere un sistema perfetto e bilanciato? Potete immaginare la mia gioia nell’atterrare a Roma e nel dirigermi all’imbarco stabilito per Lamezia Terme.. L’avete immaginata? Bene, allora adesso immaginate pure la mia delusione nel vedere la signorina dell’Alitalia che chiude l’imbarco davanti ai miei occhi e mi dice che l’aereo è appena partito.. Niente da fare: ho dovuto rassegnarmi ed aspettare il volo successivo, un’ora e mezzo dopo.
Che dire, se ho imparato qualcosa è che in Alitalia le coincidenze vengono prese alla lettera: riuscire a prendere due voli consecutivi, infatti, può essere solo il risultato di una pura e semplice coincidenza!

Come si scrive un blog?

Rieccomi qui, dopo un po’ (troppo).. E’ che in questi giorni, mi sono dedicato a completare le pagine del mio sito (lo avete visto? che ve ne pare?). Ora, sicuramente, il mio obiettivo sara’ quello di inserire su questo blog un po’ di contenuti.. notizie, idee, pensieri, riflessioni. Ma cominciamo dall’inizio: quale dovrebbe essere l’approccio corretto alla scrittura di un blog? Cosa ci si dovrebbe scrivere e cosa no? Quanto devono essere lunghi i post, e con quale frequenza vanno scritti? Come alcuni di voi sapranno, questo mio blog raccoglie l’eredità di Valencia e dintorni, il mio primo diario su Internet, e da quella esperienza ho sicuramente imparato qualcosa… Vediamo un po’ se riesco a condividere questa mia esperienza di blogger col resto del mondo 😉
Innanzitutto, la lunghezza dei post: un blog non e’ un giornale, e la pazienza dei lettori computerizzati e’ notoriamente inferiore a quella dei lettori cartacei! Un pratico espediente, che solo ora sto iniziando ad usare (forse, anche ad abusare) e’ quello di dividere i post in due parti: un sommario, da mostrare in home page, ed il resto dell’articolo da accedere tramite un apposito link (per la serie: “continua a leggere solo se sei interessato”).
Secondo punto: la formattazione: bisogna evitare assolutamente il “testo piano”, usare il grassetto ed il corsivo per evidenziare i concetti, servirsi il piu’ possibile di link per fonti ed approfondimenti.. L’occhio del lettore si muove velocemente sulla pagina web: spesso un articolo, prima di essere letto, viene “sfogliato” con una rapida occhiata (in cui il lettore si chiede: ho il tempo di leggerlo tutto? posso leggere direttamente l’informazione che mi serve, saltando il resto?). Anche per questo motivo, e’ molto importante che il post sia corredato da oggetti multimediali: se non video (che succhiano la banda e richiedono tempo per essere visti), almeno immagini: ogni post dovrebbe avere un’immagine esplicativa in testa, che per il lettore e’ importante quanto il titolo del post stesso!
Per quanto riguarda i contenuti, l’ideale sarebbe avere un tema, un filo conduttore che unisca tutti i post in modo coerente: solo cosi’ il lettore occasionale sarà invogliato a leggere qualcos’altro oltre a quello che Google, o un link da un altro sito, gli ha suggerito. Questo filo conduttore puo’ essere qualsiasi cosa: per un lungo periodo, ho scritto i miei post su Valencia e dintorni in due lingue: italiano e spagnolo, e questo ha portato (devo dire in maniera inaspettata) alcuni studenti di spagnolo a leggerli 🙂 A proposito di forma e contenuto, poi, chi è capace di scrivere in buono stile ha un’arma in piu’ dalla propria parte: puo’ catturare il lettore con le proprie capacità affabulatorie.

Ultimo punto (ma ce ne sarebbero anche altri..): la frequenza dei post. Anche il blog e’, a suo modo, un “periodico”, e chi lo legge (il “consumatore” di informazioni) ha bisogno di una certa regolarità nella “fornitura” di queste informazioni! Il post “in vigore” (l’ultimo scritto dall’autore), deve restare in cima all’elenco per il tempo sufficiente affinchè chi occasionalemente visita il blog lo legga; ma se il lettore occasionale trova sempre lo stesso post in cima al blog, egli sarà inconsciamente indotto a visitare il blog con minor frequenza! Il problema e’ meno grave se il lettore usa un lettore di feed (un programma che ti avvisa automaticamente quando vengono pubblicate delle novità su una pagina web di interesse), ma anche in questo caso la sindrome del “niente di nuovo sul fronte occidentale” potrebbe dare una deleteria idea di abbandono al blog. Se dovessi suggerire una regola generale, direi che un paio di post a settimana vanno benissimo!
Ora che ho scoperto le mie carte, vediamo un po’ se io stesso riesco a rispettare queste mie semplici regole (anche se gia’ questo post ne elude qualcuna..). Alla prossima!

A Dutiful Mind???

Rieccomi, come promesso, a scrivere su questo blog due parole riguardo al titolo.. “A Dutiful Mind”. Si nota facilmente che è un gioco di parole sul titolo del film “A Beautiful Mind” (un bel film di qualche anno fa, sul matematico John Nash). In quel caso, la storia trattava di un genio paranoico, un personaggio continuamente in bilico tra intuizioni brillanti e follia alienante.
Io, fortunatamente, non aspiro nè alle une nè all’altra 🙂 Questo blog dovrebbe rappresentare sul web i pensieri di una mente che, più che “beautiful”, sia “dutiful”: ovvero, desiderosa di compiere il proprio dovere. Il dovere della mia mente (e in generale di tutte le menti) è quello di ragionare su ciò che la circonda, di raccogliere voci, suoni, immagini, fatti, rielabolarli ed analizzarli, e generare le proprie impressioni originali, la propria sintesi, nel migliore dei casi le proprie idee. E’ proprio quello che cercherò di fare su queste pagine: raccoglierò qui le notizie e le osservazioni più interessanti che troverò (in giro per il mondo, o in Rete) e le rielaborerò cercando di farne degli spunti di riflessione e degli stimoli per i miei (sempre pochi..) lettori. Speriamo di riuscirci! Alla prossima..