The Terminal

Ricordate il film con Tom Hanks in cui il protagonista rimaneva intrappolato per mesi in aeroporto a causa di un disguido burocratico? Questo fine settimana ho scoperto (sulla mia pelle) che tutto questo e’ possibile.. Tutto e’ iniziato quando ho deciso di passare un fine settimana a Venezia: visto l’isolamento della Calabria col resto del mondo, il modo migliore per non impiegare tutto il weekend per arrivarci sembrava proprio l’aeroplano. Ed infatti, il sito dell’Alitalia era pieno di voli tra Lamezia Terme e Venezia, con scalo a Roma Fiumicino. Certo, non sono dei low cost, ma vuoi mettere la comodità di partire sabato mattina dalla Calabria e di tornare domenica sera? E così, non senza difficoltà (visto che il sito di Alitalia funziona spesso a singhiozzo), ho prenotato il mio biglietto online. Ovviamente, conoscendo lo stato del sistema dei trasporti (non solo aerei) in Italia, ho prenotato i voli in modo da avere un’ora di tempo per il cambio di aereo a Fiumicino, mi sembrava un tempo ragionevole! E in effetti, il cambio all’andata l’ho effettuato con tutta la tranquillità possibile.. Almeno finchè non sono salito sull’aereo per Venezia! Infatti, il comandante del volo ci ha subito avvisati che “a causa del maltempo le partenze sono lievemente ritardate”. Altro che lievemente: sulla pista c’era una fila di aeroplani talmente lunga che sembrava di essere ad un casello autostradale.. Fatta la nostra bella fila (20 minuti circa), arriva la prima sorpresa: il capitano dice “Abbiamo un problema tecnico ad una spia dell’impianto idraulico, torniamo al parcheggio”. L’aereo esce dalla fila, torna al parcheggio e dopo avere aspettato altri 20 minuti il tecnico (che sia venuto anche lui con l’aereo?), il problema viene risolto e si torna in fila. Passano ulteriori 20 minuti d’attesa per riprendere il nostro posto sulla pista di decollo, e quando siamo quasi arrivati.. colpo di scena!

Il comandante riprende la parola: “Sono sempre io, purtroppo si è ripresentato il problema al sistema idraulico.. Dovrete scendere e cambiare aereo”. Purtroppo non ci sono parole per descrivere la faccia dei molti turisti stranieri che quella mattina si erano preparati a visitare la Laguna ed invece si eranto trovati chiusi per tre ore su un aereo di linea.. ma vi assicuro che era tutto un programma! La compagnia di bandiera dovrebbe rappresentare l’intero Paese.. che figura ci facciamo se questa compagnia fa dell’inefficienza la propria bandiera??? Non c’è da sorprendersi se poi la gente, tornata in patria, si lamenta anche in modo plateale! Comunque, alla fine, sono arrivato a destinazione.. Ci sono volute quattro ore in piu’ del previsto (e Alitalia afferma che non e’ previsto alcun rimborso per ritardi inferiori alle 5 ore, guarda caso..), ma sono arrivato a destinazione, e mi sono goduto il mio weekend.
L’indomani, come previsto, mi sono recato all’aeroporto Marco Polo di Venezia per il mio viaggio di ritorno. Ero molto tranquillo, perchè il tempo era buono e quindi non mi aspettavo di trovare inconvenienti come all’andata. E invece.. Al mio arrivo l’aereo porta gia’ mezz’ora di ritardo! Meno male che ho prenotato la coincidenza con un ampio margine, mi dico, e salgo sull’aereo insieme ai miei compagni di sventura viaggio. Il capitano, come sempre, si giustifica (pover’uomo, che lavoro umiliante che dev’essere il suo!): “Scusate per il ritardo, ma abbiamo avuto diversi problemi.. Ci sono dei lavori all’aeroporto di Venezia [ma te ne sei accorto adesso? pianificano dei lavori e non dicono niente alle compagnie??], abbiamo dovuto sostituire l’aeromobile all’ultimo minuto per un guasto [nooo.. di nuovo?!?] e non possiamo partire se non ci arrivano i documenti di questo aereo [ma perchè, i documenti degli aerei non li tenete insieme agli aerei???]. A questo punto, devo confessarlo, ho avuto un lieve moto d’ira verso l’Alitalia: un disguido può essere una casualità, due disguidi possono essere sfortuna, ma se ti capitano tre disguidi in due giorni si tratta certamente di incompetenza!!!
Alla fine, il volo è partito giusto in tempo per atterrare a Roma 5 minuti dopo la partenza della coincidenza per Lamezia. Il mio stato d’animo non era un granchè, ed ho chiesto all’assistente di volo cosa potessi fare all’arrivo per risolvere il mio problema. Lui, inaspettatamente, mi ha tranquillizzato: è andato a controllare in cabina ed è tornato, sorridente, dicendomi “Abbiamo chiesto via radio, ed il volo per Lamezia non risulta ancora nemmeno in fase di imbarco: sicuramente è in ritardo, riuscirai a prenderlo”. Ma certo! Come ho fatto a non pensarci? L’unica soluzione ad un aereo in ritardo è che anche il volo successivo parta in ritardo! Mitica Alitalia, chi l’avrebbe detto che l’applicazione sistematica del ritardo ai voli potesse essere un sistema perfetto e bilanciato? Potete immaginare la mia gioia nell’atterrare a Roma e nel dirigermi all’imbarco stabilito per Lamezia Terme.. L’avete immaginata? Bene, allora adesso immaginate pure la mia delusione nel vedere la signorina dell’Alitalia che chiude l’imbarco davanti ai miei occhi e mi dice che l’aereo è appena partito.. Niente da fare: ho dovuto rassegnarmi ed aspettare il volo successivo, un’ora e mezzo dopo.
Che dire, se ho imparato qualcosa è che in Alitalia le coincidenze vengono prese alla lettera: riuscire a prendere due voli consecutivi, infatti, può essere solo il risultato di una pura e semplice coincidenza!

Man on the Moon

Il titolo di questo post l’ho copiato del bellissimo film con Jim Carrey del 1999 sulla vita del comico americano Andy Kaufman, che prese il titolo, a sua volta, dalla splendida canzone dei REM del 1992, sempre dedicata a Kaufman. Il ritornello della canzone dice: “If you believed they put a man on the moon..”, ovvero “Se hai creduto che un uomo sia arrivato sulla luna..”, usando questo evento (lo sbarco dell’uomo sulla luna) come esempio di racconto a cui risulta difficile, se non impossibile, credere (esattamente come erano assurde tutte le scenette comiche che Kaufman rappresentava in tv). E in effetti, sebbene l’intera umanità abbia potuto assistere all’evento in diretta televisiva, sono ancora in molti a nutrire e diffondere dubbi sulla veridicità di quel fatto storico di cui lo scorso luglio si è festeggiato il quarantennale. Dubbi più che legittimi, visto che si parla di un’impresa che ha dell’incredibile: portare 3 uomini in orbita terrestre, spingerli in orbita lunare, farne scendere due sul satellite con un veicolo minuscolo ma capace di ripartire dalla Luna e riagganciarsi al veicolo principale che li riporti sani e salvi sulla terra… Nessuno dotato di un minimo di senso della realtà potrebbe credere ad un racconto del genere, soprattutto se questo racconto risalisse alla fine degli anni ’60, in cui non si avevano a disposizione molte delle tecnologie che oggi usiamo quotidianamente e ci rendono tutto più facile! Non senza delle prove concrete, per lo meno.. E le immagini televisive sgranate che ci mostrano di solito riguardo all’evento, in effetti, non sono così inoppugnabili come prove.
Negli ultimi anni internet ha dato la possibilità a tutti di esprimere liberamente i propri dubbi al riguardo.. l’altra faccia della medaglia è che ora qualunque squilibrato può proporre la propria teoria bislacca e ritrovarsi con un folto seguito di sostenitori convinti dal fascino del complotto! Purtroppo, anche alcuni esponenti dei media tradizionali (che dovrebbero essere più avveduti dell’utente medio) si lasciano convincere da tesi quantomeno sospette senza alcuno spirito criticoverifica seria delle fonti, solo per soddisfare la sete di scoop del proprio pubblico.. L’effetto collaterale è un circolo vizioso, in cui fonti autorevoli danno credito a fonti non autorevoli, conferendo autorevolezza in maniera acritica: se la catena si allunga (per esempio, se Corriere.it ripubblica un trafiletto dell’Espresso, che si rifà ad un articolo del Times, che recensiva un libro scritto da un tizio che ha imbastito un’indagine semiseria a partire da un commento su un blog.. non guardatemi così: queste cose succedono davvero!), si rischia di mettere in giro informazioni assurde rendendo impossibile la verifica delle fonti a chiunque volesse semplicemente ricostruire la verità dei fatti.
Con gli sbarchi lunari, le cose sono andate esattamente così: a distanza di anni, e con l’affievolirsi delle convinzioni dell’opinione pubblica (ormai composta da una maggioranza di persone che non hanno vissuto l’evento direttamente), le tesi del complotto hanno cominciato a diffondersi tra la gente, prima su rari libri da bancarella, poi su internet, fino ad arrivare sulle reti televisive nazionali. Per fortuna, esiste anche una folta schiera di persone che ha a cuore la verità dei fatti, e cercando di mettere da parte qualunque pregiudizio e posizione di principio usa il materiale migliore che si possa trovare (e su internet ce n’è davvero tanto) per dare il giusto peso alle teorie proposte in rete e smontare quelle che vengono proposte in maniera maliziosa e fuorviante ad un pubblico troppo poco informato. Queste persone sono definite debunkers (“demistificatori”, “smascheratori”), ed uno di loro, Paolo Attivissimo, ha fatto dell’analisi delle tesi di complotto lunare un bellissimo libro (scaricabile gratuitamente), che ho letto ultimamente con molto piacere: “Luna? Sì, ci siamo andati”. Sfogliandone le pagine (anche in formato elettronico..) non solo ho trovato la spiegazione razionale e scientifica di tutti quei “misteri” che vengono spesso riproposti dai vari media (dalle anomalie delle foto scattate sulla luna alle presunte impossibilità tecnologiche legate all’impresa), ma ho anche avuto modo di scoprire un numero impressionante di dettagli tecnici, di retroscena e di curiosità legate all’impresa più stupefacente che l’Uomo abbia portato a termine nel secolo passato.. Un’impresa che ha dell’incredibile, ma che proprio per questo merita di essere celebrata e conosciuta da tutti per quello che effettivamente è: la dimostrazione tangibile delle infinite possibilità che la scienza, la natura e l’intelligenza umana possono realizzare con l’aiuto della tecnologia. Da leggere assolutamente!

Torna su